rssicon
imageleft

"Non cambierai mai le cose combattendo la realtà esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realtà obsoleta."

Richard Buckminster Fuller

"L'economia dovrebbe esistere solo per garantire a tutte le persone ciò di cui hanno bisogno."

Manitonquat

 
Condividi su Facebook

« … il riconoscimento della dignità specifica e dei diritti uguali e inalienabili di tutti i membri della società umana è la base di libertà, giustizia e pace nel Mondo. »

Questa bellissima frase è il preambolo alla Dichiarazione Universale dei diritti umani scritta nel 1948 affinché si mettesse fine agli orrori perpetrati nella seconda guerra mondiale.

Il primo articolo di questo fondamentale documento recita: Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza. 

La stessa cosa è riportata nella nostra costituzione all’art.3

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

Il secondo comma offre anche la strada da percorrere per evitare ingiustizie

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Questi principi fanno pensare che il benessere dell’essere umano sia prioritario, anzi secondo la Dichiarazione Universale dei diritti umani questi devono agire fra di loro con spirito di fratellanza e addirittura la Costituzione italiana si spinge a dichiarare che la repubblica debba rimuovere gli ostacoli di natura economica e sociale. Ovviamente economia, politica, legge, cultura devono essere subordinati a questo fine concorrendo a creare il benessere dell’essere umano.

Se guardiamo dopo più di 60 anni i risultati, ci deve essere evidentemente qualcosa che non ha funzionato: un miliardo e trecento milioni di persone ancora oggi sono al limite della sopravvivenza alimentare, la gran parte della ricchezza mondiale è concentrata nelle mani di poche famiglie, le risorse della terra sono state spremute più in questi decenni che nei millenni precedenti e la maggioranza della popolazione del pianeta arranca per mettere insieme tre pasti al giorno.

A ben vedere ci deve essere stato un settore che avrebbe dovuto lavorare per il benessere dell’umanità e invece ha dominato sugli altri e addirittura oggi è il padrone assoluto. Inutile dire che quel settore è proprio l’economia. L’economia domina la vita di ogni singolo abitante di questo pianeta, ne condiziona i comportamenti, determina la vita e la morte di intere popolazioni e ha assoggettato la politica lavorando sulle debolezze umane e creato leggi a proprio uso e consumo.

L’economia quindi è al centro e non l’essere umano come invece era nelle intenzioni dei padri costituenti e della dichiarazione dei diritti dell’umanità.

Ma l’economia è come il mercato, un’invenzione, uno strumento che permette ad uomini di bassi istinti di soddisfare la propria sete di sopraffazione e di predominio. Il capitalismo ha sempre pensato che se ognuno cura il suo sano egoismo tutti ne traggono un beneficio, ma non è così quando il gioco è truccato, quando pochi decidono anticipatamente mosse a cui gli altri dovranno assoggettarsi.

In questi anni abbiamo cercato di mettere in guardia, spiegare il sistema del debito infinito, dell’inevitabilità di un collasso del sistema che oggi puntualmente sta arrivando,è sotto gli occhi di tutti. Lo strumento per arrivare a questa dittatura assoluta dell’economia è stato il debito e più ancora il debito collegato all’emissione monetaria che poi automaticamente ha contagiato il settore privato delle famiglie e delle imprese. Prima si sono incentivati i debiti, anche in modi truffaldini e poi quando è arrivato il punto di non ritorno, il fatidico 120%, esattamente uguale al 1992, è scattata la trappola mortale e la banca centrale ha imposto al governo addirittura le misure  da prendere, questo la dice lunga su quello che ancora si ostinano a chiamare sistema democratico.

La cosa da capire è la bravura con cui ci hanno attirato in questa allucinazione che fa vedere un mondo totalmente irreale facendoci solo giocare alle loro regole. Addirittura i carcerieri sono i osannati come i salvatori dell’umanità e sono rimasto stupefatto come i mass media hanno applaudito alla decisione del governo tedesco di rafforzare il fondo salva stati. Spieghiamoci bene: l’euro è un marco tedesco con un nome diverso e tutto è costruito sulla efficienza tedesca, i popoli latini che questa efficienza non hanno, son caduti nella trappola e dopo 10 anni hanno consegnato tutte le loro quote di esportazione nelle mani di Germania e Francia. Lo stesso copione dell’Argentina quando ancorò la sua valuta al dollaro nel 1990, esattamente 10 anni dopo si consumò il saccheggio. Lo stesso copione ripetuto molte volte  e conosciuto anche nel nostro paese con la famigerata “quota 90” e poi con l’uscita dal serpentone monetario nel 1992.

Allora se voi foste il beneficiario di questo gioco, permettereste forse all’incauto paese di uscire da quella che è una vera e propria annessione finanziaria che in altri tempi avrebbe richiesto una costosa guerra? Barroso lo ha detto già nel 2010 e lo ha ribadito qualche giorno fa, di uscire dall’euro non se ne parla nemmeno.

Il fatto che la Germania oggi sia vista come colei che salva l’euro ovviamente offre tutta una serie di vantaggi infatti può avere in contropartita tutto il cuore produttivo dei paesi in difficoltà e praticamente con i soldi del surplus commerciale delle esportazioni che nel tempo ha sottratto ai paesi meno accorti.

Ovviamente l’unica strada è svincolarsi da un cappio che si sta facendo sempre più stretto, uscire dall’euro, anche se era meglio non entrarci nemmeno. Il problema però anche ammesso che ci facciano uscire dall’euro, è ritornare ad una lira che comunque si poteva svalutare aumentando esportazioni e commesse dall’estero, ma che ne aveva combinate di tutti i colori mettendoci in parecchi pasticci con la complicità di politici e banchieri centrali. Il ritorno ad una lira così concepita allontanerebbe solamente di poco tempo altre catastrofi.

Il fatto da comprendere è che la moneta fino a quando sarà collegata ad un debito, fino a quando sarà anche in mano pubblica, ma gestita da politici di questa levatura, condurrà sempre agli eccessi di oggi e non potrà MAI essere strumento di benessere per l’umanità.

Una dimostrazione pratica? Il livello del debito mondiale che ha superato anche quello raggiunto dal 2007

Un vecchio adagio popolare dice che più in alto si va più in basso bisognerà scendere….

Allora? Allora bisogna crescere noi dalla base, iniziare a comprendere i meccanismi e non prestarci più a firmare cambiali in bianco a chi ci dovrà rappresentare. Ho già scritto che chi verrà dopo Berlusconi sarà da guardare con timore perché svenderà quello che rimane di questo grande paese e quindi dobbiamo in questo momento aumentare ulteriormente il nostro livello di guardia affinché questo non accada, ma serve l’impegno concreto di tutti e questa volta non ci sono scuse che tengano del tipo: tengo famiglia e devo portare a casa la pagnotta; son tutti ladri e per questo uno vale l’altro; è inutile fare niente perché siamo troppo piccoli e così via.

Qui si gioca il nostro futuro e anche chi si tira indietro sarà responsabile come chi sarà parte attiva della distruzione….ma si sa che dopo una distruzione si ricostruisce, ma tutto dipende come si ricostruirà se si permetterà ancora all’economia di fagocitare l’umanità di cui doveva essere al servizio, oppure confinarla al ruolo di mero strumento di benessere e di equità sociale.

7 Comments to “Dare corpo alle parole”

  1. on 08 ott 2011 at 13:29Riccardo

    Sono completamente d’accordo, il problema principale è la moneta-debito che elimina ricchezza in Italia per 300mld di euro all’anno.

    p.s. ti volevo chiedere una cosa dato che sei sempre cosi’ disponibile ed impeccabile nelle risposte.
    Sai per caso a quanto ammonta il reddito da signoraggio annuale che viene estorto ai cittadini ?

    Faccio un’ipotesi:

    Leggendo il comma 1 e 2 dell’articolo 2 della decisione BCE/2005/11
    scopriamo che i “Crediti derivanti dall’allocazione
    delle banconote in euro all’interno
    dell’Eurosistema” vanno redistribuiti a tutte le BCN.

    (http://www.bancaditalia.it/bancomonete/signoraggio/decisione_BCE_17_11_2005.pdf
    —-
    articolo 2 comma 1:
    Il reddito della BCE derivante dalle banconote in euro in
    circolazione è integralmente dovuto alle BCN nello stesso anno
    finanziario in cui matura ed è distribuito alle stesse in proporzione delle rispettive quote versate nel capitale sottoscritto della
    BCE)

    Questo reddito ammonta per l’anno 2010 a 67,176mld di euro (http://www.ecb.int/pub/pdf/annrep/ar2010it.pdf — pagina 234) e dato che la banca d’Italia partecipa al capitale della bce per un 12,4966% (pagina 253 del documento sopra citato) il totale estorto ai cittadini (perché la BdI è privata al 95%) è di 8,4 mld di euro all’anno.

    Invece leggendo questo link:
    http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2010/7/2/FINANZA-Tutti-i-dati-che-dimostrano-l-esistenza-del-signoraggio/3/96966/
    il risultato è diverso ed infatti si estrapola che il reddito da signoraggio estorto è di circa 2mld di euro all’anno.

    Quale dei due calcoli è giusto oppure nessuno dei due ? :)

    Grazie

  2. on 08 ott 2011 at 16:41pierluigi

    Ciao Riccardo, a quanto ammonti il danno non è facile determinarlo, bankitalia sul suo sito dice che il reddito da signoraggio è determinato dalla gestione delle riserve (circa 3mld) che, dedotto delle imposte e delle sue “spesucce” 1,8 mld, torna allo stato in una cifra di poco inferiore al miliardo.
    I meandri di dove vadano i proventi di bankitalia e di quale natura essi siano non è dato sapere perché la pubblicità delle informazioni non è cosa italiana. Posso dirti che alcuni amici hanno richiesto formalmente al ministero dell’economia di visionare i documenti riguardanti le scelte economiche dello stato alla scadenza del periodo del segreto di stato, ma la risposta è stata negativa prorogando, con governo di sinistra se non ricordo male, il segreto di stato su questi documenti di politica economica e monetaria. Credo che quando cadrà il velo ne scopriremo delle belle davvero…
    Altra questione è la fiscalità di favore per le banche che, se venissero equiparate ad una qualsiasi impresa, dovrebbero pagare allo stato centinaia di miliardi in imposte, si parla di 5 o 6 che da soli permetterebbero di poter abbattere il carico fiscale alle altre imprese rilanciando l’economia, purtroppo la potenza della finanza schiaccia completamente il benessere pubblico, per quanto ancora non si sa, si può solo sperare che prima o poi finisca.

  3. on 11 ott 2011 at 18:12vincenzo

    Ciao Giovanni,
    complimenti per il lavoro che stai facendo e soprattutto perchè sei riuscito a Guardare Oltre !
    io sono ancora incastrato a pensare come potermi salvare.
    Porta pazienza deo arrivarci per grado, e per prima cosa devo capire ..
    Per quanto riguarda il tuo ultimo articolo, tu pensi che l’ Euro non si sfascerà mai perchè la Germania così può soggiogare gli atri paesi (Italia in primis) ? Non riesco a capire il meccanismo, ovvero se per farlo “demonizzano il debito” come faranno a tenere unito l’euro (salvando banche e stati periferici) senza a loro volta diventare troppi indebitati ?
    Scusa Giovanni, ma come puoi capire non ho le idee molto chiare, ti sarei inoltre molto grato se potessi rispondermi anche alle altre domande che ti ri-posto sotto.
    Grazie MOLTO
    Vincenzo

    in questo periodo ho letto molto.
    E vorrei chiederti un pò di cose;
    Ma falliranno solo i paesi troppo indebitati, o tutti ?
    Dei dati Cinesi ci si può fidare,o stanno peggio di noi ?
    L’ America che può stamapre moneta all’infinito sarà l’ultima a fallire o meglio non fallirà ma il suo dollaro si svaluterà pesantemente?
    Quell’1% di Vampiri che sfrutta il mondo non usa il denaro ? non ha quindi convenienza a non fare fallire il sistema monetario?
    Per le risposte faccio sempre appello alla tua genorisità e comunque complimenti per tutto quello che stai facendo.
    Grazie
    Vincenzo.l

  4. on 11 ott 2011 at 18:38vincenzo

    caso mai trovassi la pazienza per rispondermi,
    Agli Inglesi / Americani non farebbe comodo la rottura dell’Euro , e un nuovo marco alle stelle ?
    Grazie ancora
    Vincenzo

  5. on 12 ott 2011 at 12:53pierluigi

    Sull’euro ti consiglio di leggerti questo http://www.centrofondi.it/report/report_07_04_07.pdf
    sulla fine di questo sistema basato sul debito e come funziona puoi leggere questo http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=print&sid=3415
    ma se vai nella sezione Storico http://www.centrofondi.it/wp/?page_id=77 troverai molte risposte ai tuoi dubbi anche se l’esatto svolgersi degli eventi è difficile da intravedere.

    PS: ti saluto Giovanni quando lo incontro :))

  6. on 12 ott 2011 at 12:55pierluigi

    Al contrario agli americani giova un euro piuttosto indebolito che mitighi così la perdita di valore del dollaro che altrimenti sarebbe già a 2 dollari per un euro….

  7. on 14 ott 2011 at 10:31vincenzo

    Grazie PIERLUIGI, leggero tutto molto volentieri.
    Sorry per il Giovanni, la cosa grave è che non conosco nessuno con quel nome.
    A presto. Ciao

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.